La Bindella: caratteristiche principali e funzionamento

10/11/2020

Ciao Segaiolo!

Oggi tratterò un argomento che per i taglia legna veterani sarà probabilmente più un ripasso (che però non fa mai male) anziché un nuovo apprendimento ma che per tutti coloro che si sono avvicinati da poco al settore della lavorazione del legno sarà sicuramente molto interessante.

Trattiamo la bindella, conosciuta anche come “sega a nastro”, la macchina nella quale montiamo le lame a nastro per tagliare la legna o altri diversi materiali.

È composta essenzialmente da un telaio (o struttura) che sorregge due volani, da un motore, da un piano d'appoggio con una scanalatura per fare passare la lama e da altri accessori che descriverò in seguito.

bindella aperta

I volani sono quelle due ruote messe in rotazione dal motore quando la bindella è accesa e che a loro volta mettono in movimento circolare la lama a nastro, che andrà montata attorno i volani con i denti rivolti verso il lato anteriore in modo tale che, spingendo il pezzo di legno sul piano d’appoggio, questo incontrerà i denti della lama.

La lama deve essere messa in tensione prima dell’accensione è questo è possibile agendo su un volantino che spinge, tramite molle, il volano superiore che scorre su una guida.

Il volano superiore non è collegato al motore, quindi è detto “folle” (non significa “pazzo” …ma “scollegato” come il cambio della macchina quando nessuna marcia è inserita).

Il volano inferiore, invece, è collegato al motore tramite cinghie e pulegge.

Su macchine di piccole dimensioni vi è una striscia di sughero o di gommapiuma che viene incollata intorno ai volani per evitare la caduta della lama durante i tagli, mentre sulle macchine più grandi come le sega tronchi, i volani hanno una particolare bombatura.

Per impedire la fuoriuscita della lama dai volani durante l'avanzamento del pezzo, al di sopra e al disotto della zona di taglio, sono posti i guida lama.

Il guida lama superiore è composto da un cuscinetto che poggia sul dorso del nastro per evitare lo spostamento della lama sotto la spinta del pezzo. Sui fianchi invece si trovano o dei blocchetti in legno duro o due cuscinetti registrabili contrapposti ai lati del nastro che mantengono la lama diritta ed evitano gli sbandamenti laterali.

Il guida lama inferiore viene utilizzato per lavorazioni di fino ed è normalmente realizzato in legno ed è incassato a filo piano. In corrispondenza dei fianchi della lama sono presenti due listelli in legno duro, registrabili, per compensare l'usura dovuta allo scorrimento della lama.

Bene, abbiamo capito insieme quali sono le caratteristiche fondamentali di una bindella e spero di essermi spiegato in modo semplice e chiaro.

Per quanto riguarda i modelli in commercio, esistono molte soluzioni che soddisfano ogni necessità: si parte dalle piccole e leggere bindelle per hobbisti con altezze di taglio (lo spazio verticale per inserire il pezzo) intorno ai 20 cm, motore da 1 kW e la possibilità di montare lame corte (intorno ai 2 metri) e di piccola larghezza (6, 10, 16mm), per arrivare alle grosse e pesanti bindelle per professionisti con altezze di taglio fino a 60 cm, motore fino a 10 kW e la possibilità di montare lame lunghe oltre 6 metri e larghe 40mm!

Il mio consiglio, indipendentemente dalla dimensione e potenza della bindella, è quello di investire sempre in prodotti di alta qualità o almeno muniti di certificazione CE (il marchio della Comunità Europea…attento a non confonderlo con il China Export che guarda al caso è molto simile!), in questo modo eviterai brutte sorprese come la mancanza di stabilità e di precisione che, oltre a farti perdere tempo perché non riuscirai a tagliare i pezzi come vorresti, metterai anche a rischio la tua sicurezza (una bindella che quando è accesa vibra molto è come Jason del famoso film horror “venerdì 13” pronto a segarti in mille pezzi)!

Ottimo, hai capito quindi l’importanza di lavorare sempre con una bindella di qualità…ma cosa accadrebbe se la lama a nastro si impuntasse di continuo e perdesse l’affilatura dopo pochi minuti? E’ come se montassi gli pneumatici cinesi da enduro sulla Yamaha di Valentino Rossi…nonostante la bravura del pilota molto probabilmente si schianterà alla prima curva. Di conseguenza, se non vuoi impazzire con lame costruite con acciai economici e con l’instradamento sbagliato o peggio ancora squilibrato (quindi la lama avanzerà storta), devi affidarti a produttori qualificati e esperti.

Crocoblade, l’originale lama per sega a nastro con dente temperato, è frutto di 40 anni di esperienza nel taglio della legna ed oltre alla maggior durata rispetto alle migliori lame in acciaio svedese (fino al 50% in più) ti assicura un taglio più preciso e con meno impuntamenti, grazie all’instradamento specifico per il taglio della legna! Puoi acquistare le lame Crocoblade in modo semplice e sicuro direttamente qui:

https://www.crocoblade.com/lame-sega-nastro

Mr. Croco

Lascia un commento